Radio Gwendalyn - Swiss Radio

Radio Gwendalyn (per gli amici “Gwen”) è fondata da Alan Alpenfelt e Stefano Palermo tra Milano e Chiasso nel 2005 come piccola internet radio indipendente. Si sviluppa come un esperimento lo-fi con umili pretese e con l’obiettivo di proporre musica che non passava (e tutt’ora non passa…) sulle radio statali e private locali. Durante strani sogni rivelatori Gwendalyn ricevette la sacra missione di continuare il suo nobile lavoro e nel 2008 si trasferì di conseguenza in un garage a Chiasso che venne immediatamente ripitturato diventando luogo di culto. Molte persone si annunciarono per proporre puntate radiofoniche e il garage diventò presto un luogo in cui sperimentare la radiofonia DIY (fai da te). Iniziò a partecipare nel suo piccolo a vari eventi locali trovando risposte di apprezzamento e rispetto entrando poi a far parte della ASROC – Associazione svizzera delle radio online e via cavo. Nel 2010 venne interpellata dal comune di Chiasso per seguire un progetto fotografico durante la IX Biennale dell’immagine di Chiasso per cui produsse un racconto audio intitolato “Le avventure del Geco” in collaborazione con Chiasso, Culture in movimento. Il piccolo garage soggetto ad un freddo inumano durante l’inverno e un caldo disgustoso durante l’estate non era più idoneo ai progetti futuri. Perciò Gwen decise di cercare un luogo dove potesse migliorare il suo servizio sociale e trasferendosi in un appartamento di due piani e creando il suo primo studio radiofonico. Seguirono la creazione del Gwenstival – festival internazionale di musica e radiofonia, ulteriori racconti radiofonici, collaborazioni ed approfondimenti, eventi, festival e un giro di belle persone. Con il sostegno di importanti fondazioni iniziò a fondare altre piccole radio: Nettune – network delle radio studentesche in Ticino, Radio Casvegno – la radio che libera la mente. Nel 2012 insieme ad Helvetas si recò in Benin per avviare un progetto radiofonico insieme ad alcune radio comunitarie del paese con l’obiettivo di creare un ponte radiofonico tra nord e sud. Ora Gwen si trova in un nuovo studio in Via Livio 16 a Chiasso e attende solo il momento che i grandi uomini potenti le concedono di accedere alle onde FM e DAB+. Gwen ci tiene particolarmente a promuovere la cultura di nicchia, la buona musica e aiutare altre radio e media a nascere e svilupparsi autonomamente. Nel suo piccolo, crede che la Vita è sì, sostanzialmente tragica, tuttavia bellissima. E perciò va raccontata a tutti.

La Luce Nascosta 15

04-10-2018

La Luce Nascosta 15

Alla scoperta dei segreti della musica antica
A cura di Giorgio Sonzogni & Tiziana Enrico

Tutti noi amiamo la musica, collezioniamo un gran numero di dischi dei nostri generi e autori preferiti e siamo talmente abituati ad averla a disposizione e a riprodurla quando vogliamo, che pensiamo che sia sempre stato così.

Per secoli invece la musica è stata un’arte di rapidissimo “consumo”: man mano che cambiavano stili e mode, ciò che era considerato “vecchio” veniva dimenticato, non più eseguito e, a differenza di altre arti, non veniva considerato come qualcosa da tramandare alla posterità. È solo dall’Ottocento che inizia ad essere studiata la storia della musica e a essere riscoperto un ricchissimo repertorio ormai caduto nell’oblio.
Gli autori del periodo Barocco, in particolare, ci hanno lasciato una quantità molto vasta di testi musicali il cui codice interpretativo è una sfida continua per il musicista moderno. Bach, Vivaldi, Händel… non hanno certo avuto la possibilità di incidere dischi ed è in ciò che ci hanno lasciato che dobbiamo individuare la giusta chiave di lettura per interpretare il loro messaggio. Seguiteci in questo affascinante viaggio alla scoperta della musica antica e
insieme cercheremo di rivelarne i segreti e la sua luce nascosta.

Categories | La Luce Nascosta

Download

Filetype: MP3 - Size: 67.88MB - Duration: 29:32 m (320 kbps 44100 Hz)



Smiley faceFrom the admin area you can customize this box. For instance you can add Widgets and Buttons


You can optionally disable the freebox if you don't need it.